GDPR - PROTEZIONE DATI: DA OGGI SI APPLICA IN ITALIA IL REGOLAMENTO UE

25/05/2018

post-image-1

Il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR), interessa le imprese italiane di ogni settore, inclusi i centri estetici, le beauty farm, le SPA, i barbieri, i parrucchieri ed i saloni di bellezza.

PROTEZIONE DATI: DA OGGI SI APPLICA IN ITALIA  IL REGOLAMENTO UE

Da oggi si applica in Italia il Regolamento Ue in materia di protezione dei dati personali. La nuova disciplina uniforma le regole in tutti i Paesi dell'Unione e rappresenta la più grande riforma in questo settore da un quarto di secolo a questa parte.

Con il Regolamento cambia in maniera radicale l'approccio alla protezione dei dati: le imprese italiane, quindi anche i centri estetici ed i parrucchieri, dovranno operare seguendo il principio di responsabilizzazione ("accountability"), considerare la protezione dei dati non come obbligo formale, ma come una parte integrante e permanente delle loro attività e promuovere consapevolezza negli utenti sui loro diritti e le loro libertà.

Ogni utente avrà il diritto di ricevere informazioni chiare sull'uso che viene fatto dei suoi dati personali, potrà trasferirli da un titolare del trattamento ad un altro, compresi i social network ("diritto alla portabilità dei dati"), e vedrà rafforzato il suo diritto di far cancellare, anche on line, le informazioni  non più necessarie rispetto alle finalità per le quali sono state raccolte ("diritto all'oblio").

Il consenso all'uso dei dati dovrà essere ancora più specifico per ogni servizio reso. Chi tratta dati avrà l'obbligo di informare le Autorità garanti, e nei casi più gravi gli stessi interessati, in caso si verifichino furti, diffusione illecita o perdite di dati ("data breach").

Altra importante innovazione è la figura del Responsabile della protezione dei dari (RDP) che dovrà operare all'interno di quelle imprese che fanno particolari trattamenti di dati o usano particolari categorie di dati, offrendo consulenza e supporto al proprio titolare o responsabile del trattamento.

Le sanzioni per chi non rispetta le regole potranno arrivare fino al 4 per cento del fatturato globale annuo.

COME PRIMO SOFTWARE PUO' AIUTARTI CON LA NUOVA VERSIONE 2.7.00

-possibilità di definire in modo dettagliato il consenso del cliente nel ricevere le comunicazioni (SMS, WhatsApp etc.)

-possibilità di indicare, nel documento da consegnare al cliente, il link della tua Privacy Policy;

-obbligo di attivare password d'ingresso al software per tutti gli utenti per prevenire il furto dei dati;

-tasto GDPR per cancellazione automatica dati clienti dal database;

-procedura di backup dei dati totalmente automatica con doppio percorso di archiviazione per prevenire la perdita dei dati;

25 maggio 2018